Selezionando…

  • 24 novembre 2019
candidati-intorno-al-tavolo

Maria Grazia Mancini è un medico che si sta specializzando come Psicoterapeuta Funzionale presso la sede di Roma della S.E.F. Nata in provincia di Taranto nel 1989, si è trasferita a Roma nel 2007 per studiare medicina al Policlinico Universitario “A. Gemelli”. Vive a Roma con suo marito Pierluigi e i suoi due bambini.
Ingaggiata dal team del Comi nella commissione selezionatrice dei ragazzi destinati ai progetti di servizio civile in Senegal e Uruguay, condivide qui con noi la sua esperienza.

16 ragazzi dai 24 ai 27 anni, provenienti da tutta Italia, da nord a sud, giunti a Roma per le tre giornate di selezione dei volontari del Servizio Civile per diversi progetti in Senegal e Uruguay.
Volti; storie. Desideri; ricerca: di strade, di senso, di esperienze, di incontri. Sete di altri mondi, voglia di superare stereotipi e pre-concetti. A cavallo tra la voglia di mettersi alla prova, quella di “rendersi utili” e la scoperta sorprendente dell’altro, che è diversità e vera ricchezza. Per attaccare più o meno frontalmente i propri modi di leggere la realtà, e arrivare il più possibile in fondo, verso il Senso che appartiene ad ogni uomo sotto la varietà dei suoi abiti.
E, di fronte a loro, noi: un gruppo di selezionatori, ognuno con la sua competenza e la sua esperienza; insieme, per ripulirci l’un l’altro lo sguardo da elementi inutili o confondenti; con la responsabilità di cercare -umilmente- di intuire il bene per ogni ragazzo.
Al servizio del complesso intreccio tra l’aspirante volontario (con le sue motivazioni e i suoi modi di funzionare), e il progetto (con il suo equilibrio e le sue necessità). 
Sapendo di non poter prevedere ogni cosa; intuendo la Bellezza di ognuno, e insieme cercando di rispettarne i tempi.
Ragazzi selezionati con l’augurio sincero di esserci pienamente in questa avventura, di assaporarla con tutte le sue sfaccettature; di mettersi a frutto con la naturalezza di un fiore che sboccia, più che con l’opprimente obbligo morale di chi si sente “migliore”.
Sono stati giorni intensi e contemporaneamente di piacevole condivisione di cose buone, di idee e di scelte più o meno semplici; dove collaborare ha avuto il calore e il sapore di una tavola imbandita per pranzo, dove ognuno è ugualmente parte della famiglia, che sia arrivato lì da poco (come me) o padrone di casa da molto tempo.

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito resta sottinteso il tuo assenso Maggiori informazioni | Chiudi