Comi

Le diaspore e le nuove generazioni per la ripresa e lo sviluppo sostenibile

I migranti e le nuove generazioni, sono persone che, nonostante molte difficoltà, vivono e rappresentano dei veri e propri soggetti attivi dello sviluppo del nostro Paese, e della cooperazione internazionale. Se maggiormente riconosciuti e coinvolti, possono divenire degli attori importanti per la ripresa e lo sviluppo sostenibile italiano ed europeo.

E’ essenziale dare valore al volto positivo, al protagonismo, di chi vive, studia e lavora nel nostro Paese; di chi crea relazioni e opera per migliorare la salute, l’educazione, l’economia e la tutela dei diritti umani in Italia e nei Paesi di origine. Sono queste le tematiche affrontate nel video Diaspore protagoniste per lo sviluppo sostenibile”,  che FOCSIV  con GCAP Italia lanciano oggi su scala europea, nel quadro del progetto Volti delle Migrazioni .

Da alcuni anni le diaspore si sono impegnate in un percorso di creazione di una rete nazionale di associazioni migranti con lo scopo di essere rappresentate presso il Ministero Affari Esteri, e con l’obiettivo di contribuire attivamente alla politica di cooperazione allo sviluppo. In tale senso, il Summit Nazionale delle Diaspore ha rappresentato uno spazio aperto e allo stesso tempo il cammino di costruzione di questa ambiziosa visione.

Con le sue numerose attività locali e nazionali, il Summit è riuscito a dar voce ai migranti e alle nuove generazioni che vivono in Italia, al fine di conquistare rilevanza nelle scelte politiche per lo sviluppo sostenibile.  È uno strumento per accrescere la democrazia attraverso la partecipazione attiva delle associazioni dei migranti.

La nostra video produzione raccoglie così, da un lato la visione e le speranze di alcuni protagonisti del Summit e, dall’altro, il significativo riconoscimento al mondo diasporico della Viceministra per la cooperazione internazionale, Emanuela Del Re.

Le voci e i volti di Ada, Cleophas, Tatiana, Bertrand e Andry, ci parlano del loro impegno sociale, della loro voglia di partecipare a creare un mondo migliore, sostenibile e più umano. E se il piano per la ripresa socio- economica ha il titolo “NextGenerationEU”, il dibattito politico italiano non può evadere il tema della cittadinanza delle nuove generazioni di italiani. Se l’Italia e l’Europa vogliono tornare a crescere nel mondo, per lo sviluppo sostenibile, la politica deve promuovere la partecipazione attiva delle nuove generazioni e delle diaspore.

 

UN PASTO PER CENTO BAMBINI TALIBÉS

Partecipa anche tu alla grande festa del running il 7 aprile con partenza dai Fori Imperiali e arrivo al Circo Massimo.
Il 7 aprile 2019, in concomitanza con la 25^ Maratona Internazionale di Roma, si svolgerà come da tradizione anche una Stracittadina non competitiva aperta a tutti che coinvolgerà tutti i cittadini.
Sarà un evento nell’evento che consentirà a tutti di vivere una giornata indimenticabile nelle meraviglie della Città Eterna.
Il percorso sarà tutto nel centro storico di Roma e sarà lungo 5 chilometri.

Il costo di iscrizione è di Euro 10 di cui 5 saranno destinati dal COMI al progetto che prevede la preparazione di un pasto settimanale per almeno 100  bambini “talibés” di Kaffrine.

In Senegal le scuole coraniche sono diffusissime. Si tratta di scuole gestite da un maestro coranico che ha il compito di assicurare l’istruzione religiosa agli adolescenti e ai bambini ai lui affidati dalle famiglie. Questi bambini vengono chiamati “talibés”. A causa della mancanza di finanziamenti statali, le scuole raramente riescono a sostenere i bisogni primari di tutti i bambini che accolgono e, per far fronte alle spese, molti maestri chiedono ai bambini di mendicare, fiduciosi del fatto che praticare la carità è dovere di ogni buon musulmano. Nonostante questa carità praticata dalle famiglie locali, pur essendo povere, non è facile coprire le necessità di questi bambini che, loro malgrado, affrontano già in tenerissima età fenomeni come lo sfruttamento, maltrattamenti, la mancanza di cibo, acqua, cure mediche e un’adeguata assistenza sociosanitaria. Per dare una risposta alla tutela di questi minori, il Comi nella città di Kaffrine ha avviato un servizio mensa settimanale: ogni giovedì viene offerto un pranzo a più di cento talibés; si crea così un’occasione per farli socializzare tra loro, conoscerli, ascoltare i loro bisogni, realizzare dei piccoli percorsi di igiene personale, offrire loro qualche ora spensierata di sport e di gioco. Il COMI inoltre, in linea con le istituzioni locali che si occupano della tutela dell’infanzia, organizza anche delle giornate di sensibilizzazione con i maestri coranici sul pericolo della mendicità e la cura dei bambini talibés.

Con i fondi raccolti dalla maratona contribuirai a dare a questi bambini la possibilità di avere un pranzo assicurato una volta a settimana, un sostegno socio-sanitario e l’ascolto da parte dei nostri volontari.

Per info e iscrizioni:

Scrivere una mail
segreteria@comiorg.it

oppure telefonare
06-70451061